La nuova micromobilità: il monopattino elettrico

I punti a favore del monopattino risiedono nella sua natura ecologica, nell’autonomia sostenuta con brevi tempi di ricarica e nella sua praticità di trasporto.

Il monopattino elettrico si sta sempre più affermando come mezzo principale per la micromobilità caratterizzata da piccoli spostamenti urbani. Il loro rapporto qualità/prezzo lo pone su di un livello più conveniente rispetto alle spesso costose e-bike, raggiungendo così un pubblico più ampio.

Questo nuovo modo di sposarsi è totalmente ecologico, il monopattino elettrico infatti permette di sposarsi in tutta comodità anche su strade sottoposte a blocchi del traffico. Il loro funzionamento inoltre, grazie a piccoli ma performanti pacchi batterie agli ioni di litio, garantisce autonomie più che sufficienti per trasportare il proprietario per quelli che sono i tipici tratti in bicicletta che si percorrono quotidianamente. In base al tipo di batteria varia ovviamente il tempo di ricarica e la velocità massima, quest’ultima impostate comunque per legge a 20 Km/h

La comodità dei monopattini elettrici non solo risiede nel trasporto veloce ed ecologico del passeggero, ma anche nel trasporto poi del monopattino stesso una volta giunti a destinazione. Grazie all’utilizzo di materiali sempre più leggeri, ma altrettanto resistenti, la praticità nel ripiegarlo, per poi portarlo con sé in ufficio è ormai, è consolidata . Ovviamente è consentito anche parcheggiare all’esterno purché non si intralcino pedoni e veicoli, sfruttando anche gli spazi dedicati ad altri velocipedi.

Questo nuovo mezzo di micromobilità è dunque estremamente  green e versatile, ma gode anche di un altro vantaggio molto importante: è divertente da condurre! Questi monopattini sono perfetti per recarsi al lavoro ma anche per passare del tempo libero andando magari a implementare la classica camminata. Nonostante l’assistenza del pacco batterie infatti è fondamentale rimanere in equilibrio, darsi una spinta, accompagnarlo nelle curve e poi trasportarlo una volta arrivati a destinazione. Si rivela di fatto un ottimo modo per svolgere un’attività fisica nel poco tempo che ormai tutti hanno a disposizione.

Le normative che regolano l’utilizzo dei monopattini elettrici sono chiare: devono avere una velocità massima di 20 Km/h su strada e di 6 Km/h in zone pedonali, è inoltre vietata la circolazione su marciapiedi. Possono essere condotti senza casco, targa e assicurazione ma la potenza del motore non dovrà essere superiore ai 500 W.

Questi veicoli possono essere portati da persone con più di 14 anni anche se i minorenni hanno l’obbligo di indossare il casco. Per tutti però è obbligatorio indossare anche un giubbino catarifrangente qualora si decidesse di uscire dopo il tramonto o comunque in condizioni di scarsa visibilità. Ovviamente per poter circolare di sera è fondamentale che il monopattino stesso sia dotato delle apposite luci di segnalazione anteriori e posteriori. A questi mezzi infine è consentita la circolazione esclusivamente su strade urbane con limite stradale di 50 Km/h e ovviamente nessun divieto per velocipedi in generale.

Ma la vera praticità di questo specifico mezzo di micro mobilità è il noleggio. Sempre più italiani infatti spostano l’acquisto della propria vettura con un noleggio a breve, medio o lungo termine. Questo permette, come nel caso de Il Negozio del Noleggio, di abbinare alla propria rata, ad un prezzo irrisorio, anche il noleggio di un monopattino elettrico. Sarà infatti possibile non solo scegliere il tipo di vettura che si preferisce, city car, utilitarie, suv o station ma anche il tipo di monopattino. Il tutto ad un canone chiaro, fisso, senza variazioni nel tempo e che comprende tutti i servizi di assicurazione e manutenzione necessari.

La nuova micromobilità: il monopattino elettrico
Torna su